Cerro, elezioni, Airoldi: “Vicinanza ai leghisti che ci supportano”

Il candidato si "Progetto Comune" difende il nucleo storico della Lega Nord di Cerro al suo fianco ma allontanati dai vertici del movimento.

Cerro, elezioni, Airoldi: “Vicinanza ai leghisti che ci supportano”
Legnano e Altomilanese, 30 Aprile 2018 ore 15:47

Cerro Maggiore, parla Alex Airoldi

Spaccatura nella Lega, Airoldi solidale col Carroccio al suo fianco

Alex Airoldi, candidato della lista civica “Progetto comune per Cerro e Cantalupo”, interviene sulla spaccatura nella Lega Nord. Perchè il nucleo storico del Carroccio di Cerro Maggiore è al suo fianco, mentre la Circoscrizione di Legnano e la segreteria provinciale del Ticino della Lega hanno dichiarato che il movimento sosterrà invece la candidatura di Nuccia Berra per il centrodestra.

“Tutta la lista Progeto Comune – afferma Airoldi – esprime piena solidarietà a Marina Lazzati e agli altri amici che hanno sempre incarnato la Lega a Cerro per l’espulsione decisa dal provinciale del movimento per la scelta di appoggiare la nostra lista civica. Piena stima e solidarietà quindi a questi amici che hanno scelto con coraggio di condividere un progetto nato e cresciuto per il paese. Registriamo anche le parole del provinciale della Lega e della signora Berra che sostengono che la scelta di dividersi sia stata nostra: è certamente vero che la scelta è stata nostra proprio perchè dalle segreterie provinciali, e ribadisco dai livelli provinciali, è stato deciso il nome di Berra come candidato sindaco del centrodestra. Nome non condiviso da noi e dagli amici dell’ormai ex Lega cerrese sin da subito – prosegue Airoldi -per una nostra sensibilità e visioni differenti, tra cui, per il nostro gruppo, anche la nostra massima trasparenza che ci ha portati a escludere sin da subito un appoggio a chiunque abbia un’attività privata che sia o che possa essere in possibile concorrenza con una medesima attività comunale. La cosa non è certamente vietata ma noi abbiamo preferito fare altre scelte. Auguriamo comunque che ora il confronto si sposti sui programmi per il paese e sulle idee per migliorarlo”.